Qualche giorno fa…

Qualche giorno fa un’amica mi parlava di alcuni aspetti del significato del mangiare insieme in alcune culture africane. Sono rimasta colpita dalla bellezza e dalla sacralità di questo momento vissuto dai commensali come una profonda condivisione:

Si serve una pietanza unica, senza posate, che viene consumata insieme a parenti, amici ed ospiti.
Nessuno si ‘butta’ sul cibo, c’è un grande rispetto verso tutti i presenti, e ognuno fa attenzione che tutti possano mangiare secondo i propri bisogni. Capita ad esempio che l’uomo porga alla donna le porzioni migliori di carne, o di pesce.

In questi momenti rinasce un senso vero di condivisione e di solidarietà, che insegna a stare nel gruppo, che ricorda che cosa significa essere attento all’altro. C’è una sorta di disciplina naturale che fa da direttore d’orchestra, e che induce ogni volta gesti di amore e di rispetto verso l’altro…

Anche questo è FiloCIBOsofia Slow Life.

Scrivi un commento