Quando il dono diventa un nutrimento…

Vorrei raccontarvi un esperienza molto bella, vissuta qualche tempo fa insieme a un adolescente in cerca di valori, come capita spesso ai ragazzi di quell’età.
La domenica mattina siamo andati varie volte alla mensa popolare della Caritas per servire il pranzo alle persone bisognose.

Dopo l’impatto iniziale, che ci ha lasciato senza parole, nel vedere una moltitudine di persone, tra cui molti bambini, in attesa dell’apertura delle porte, sono rimasta stupita della bellezza con la quale ci siamo confrontati.

Non dimenticherò mai la dignità che ho visto sul viso di tante persone e nemmeno potrò dimenticare i sorrisi di gratitudine che ho letto nelle persone, gratitudine che veniva dal fondo del cuore. Ho percepito una specie di energia che proveniva da un rispetto vero e reciproco.

Ho ancora nella mente il momento quasi magico in cui sistemavo i tavoli e spazzavo il pavimento per dare modo a chi arrivava di sedersi a tavola, offrendogli un posto pulito per pranzare, per godere di una tregua prima di riprendere il pesante cammino della vita.
In fin dei conti, io e il mio compagno di strada non abbiamo fatto niente di eccezionale. Ma personalmente ho sentito,  all’improvviso, la schiena raddrizzarsi, diventare fluida, stavo letteralmente crescendo verso l’alto, con i piedi ancorati a terra e, nello stesso momento, avvertivo un’incredibile sensazione di leggerezza. Sentivo di essere felice. Non saprei come spiegarlo.

L’unica cosa che posso dire è che ho capito che quando si dà qualcosa con tutto il cuore, questo ‘dare’ diventa un vero nutrimento.

Anche questo è FiloCiboSofia.

Scrivi un commento